Anche il secondo giorno di gare di Palermo2019 è andato in archivio: tante, come ieri, le emozioni vissute sia al PalaMangano che a Piazza Bellini.

In scena le gare a squadre del fioretto maschile, di spada maschile e di sciabola femminile; esordio palermitano per i paralimpici, accolti con grande entusiasmo dai tanti cittadini presenti sulle tribune del palazzetto e all’ombra delle cupole di San Cataldo.

Nella gara di fioretto maschile paralimpico, categoria A, la vittoria è andata ad Emanuele Lambertini che in finale ha superato 15-12 il portacolori delle Fiamme Azzurre, Matteo Betti. Il bolognese delle Fiamme Oro, reduce dal primo successo in Coppa del Mondo a San Paolo, era giunto in finale grazie al successo, anche in questo caso per 15-12, su Matteo Dei Rossi della Scherma Treviso, terzo classificato assieme ad Alberto Morelli del Cus Siena.

Nel fioretto maschile paralimpico, categoria B, a confermarsi campione italiano è stato Marco Cima. Il fiorettista delle Fiamme Oro ha vinto il match di finale contro l’altro portacolori del gruppo sportivo della Polizia di Stato, Gianmarco Paolucci, con il punteggio di 15-3.
Terzo posto per Denis Masiero del Petrarca Padova M°Ryszard Zub e per il rappresentante dell’Accademia della Scherma Fermo, Michele Massa.

Consuelo Nora delle Lame Rotanti di Torino si è invece aggiudicata la gara di fioretto femminile paralimpico, categoria C: la torinese ha avuto ragione in finale di Annamaria Soldera, in forza al Petrarca Scherma M°Ryszard Zub di Padova, per 15-2. Con lo stesso punteggio, la padovana si era imposta in semifinale nei confronti di Monia Bolognini della Zinella Scherma.

Andrea Mogos delle Fiamme Oro ha vinto invece la gara di fioretto femminile, categoria A. In finale ha superato 15-9 la compagna di gruppo sportivo, Loredana Trigilia. Terzo posto per Karin Mizzi del Club Scherma Ariete 95, fermata sul 15-3 dalla stessa Loredana Trigilia, e per Letizia Baria della Chiti Pistoia, superata 15-4 dalla neo campionessa italiana.

Nella finale a squadre del fioretto maschile paralimpico la vittoria è andata al team del Zinella Scherma, che si è imposto 45-12 nei confronti del Petrarca Scherma M°Ryszard Zub di Padova.

Nella finale di fioretto femminile categoria B, Bebe Vio delle Fiamme Oro si conferma campionessa italiana col punteggio di 15-0 ai danni di Julia Markowska del Club Scherma Roma. Terzo posto invece per Alessia Biagini del Club Scherma Pisa.

E’ bello vincere ma è ancora più bello vedere che il movimento cresce– ha dichiarato Bebe Vio nel postmatch – Adesso sono concentratissima sul prossimo impegno sportivo, i mondiali in Corea. Durante quest’anno dovrò impegnarmi con lo studio all’università e voglio arrivare davvero in grande forma alle Olimpiadi di Tokyo2020”.

Nella serie A1 di fioretto maschile olimpico, la finale è quella tra la squadra delle Fiamme Gialle, composta dal quartetto composto da Valerio Aspromonte, Giorgio Avola, Daniele Garozzo, Guillaume Bianchi, e quella delle Fiamme Oro, con Francesco Ingargiola, Edoardo Luperi, Tommaso Marini e Filippo Macchi.
Nel quadro delle semifinali, le Fiamme Gialle hanno sconfitto i Carabinieri per 45-43, mentre le Fiamme Oro hanno superato col punteggio di 45-43 l’Aeronautica Militare.

Il titolo italiano va alla squadra delle Fiamme Gialle, che si aggiudica il match finale col punteggio di 43-41: assalti entusiasmanti e molto divertenti, grande calore da parte del pubblico palermitano.

Era importante vincere questo titolo italiano: trionfare nella mia Sicilia ha un sapore ancora più bello– ha detto l’atleta di Modica Giorgio Avola- Mi sembra di essere tornato indietro nel tempo, quando gareggiavo da giovane nella mia terra e vedevo sugli spalti i miei affetti, è davvero emozionante”.

Nella spada maschile olimpico, invece, la sfida per il titolo di serie A1 vede dinanzi il quartetto delle Fiamme Oro, formato da Davide Di Veroli, Andrea Santarelli, Valerio Cuomo, Gianpaolo Buzzacchino, e quello dell’Aeronautica Militare con Paolo Pizzo, Matteo Tagliariol ed Andrea Vallosio.
Le Fiamme Oro, in semifinale, hanno fermato l’Isef “Eugenio Meda” Torino per 30-18, mentre l’Aeronautica Militare si è imposta per 45-34 sull’Esercito.

Il titolo italiano va, durante il minuto supplementare, alle Fiamme Oro che si impongono col punteggio di 44-43.

A piazzare la stoccata vincente Davide Di Veroli, al debutto proprio con le Fiamme Oro, che ha commentato così le emozioni della finale: “E’ un grande onore poter rappresentare le Fiamme Oro, sono molto contento per il risultato raggiunto. Dedico la vittoria ai miei compagni, oggi sono stati strepitosi”.

La sfida tra Esercito e Fiamme Oro ha concluso invece la gara di sciabola femminile olimpica. A confrontarsi le squadre composte da Benedetta Baldini, Martina Criscio, Chiara Mormile e Caterina Navarria, e quella delle poliziotte Sofia Ciaraglia, Eloisa Passaro e Flaminia Prearo.
L’Esercito, in semifinale, aveva sconfitto con la stoccata del 45-44 l’Aeronautica Militare, mentre le Fiamme Oro avevano avuto ragione del Frascati Scherma per 45-36.

Ad aggiudicarsi gli assalti è la squadra delle Fiamme Oro, che si è imposta con 45 stoccate sulle 28 portate a segno dalla squadra dell’Esercito. Doppietta tricolore per Sofia Ciaraglia, che dopo la vittoria nell’individuale porta a casa anche il successo a squadre.

A chiudere la splendida serata di Piazza Bellini la finale di fioretto maschile paralimpico categoria C che ha visto di fronte il palermitano doc William Russo (Club scherma Palermo, guidato dal Maestro Massimo La Rosa) e il livornese Martino Seravalli (Accademia della Scherma Livorno), remake del match disputatosi lo scorso anno a Milano. Al terzo posto si erano piazzati gli atleti della Zinella Scherma Leonardo Rigo e Matteo Addesso.

Il campione italiano è Martino Seravalli, che batte 12-5 il palermitano William Russo. I due atleti ieri sera hanno cenato insieme, come rivelato sul palco, a testimonianza dell’amicizia che li lega.

Il segreto della vittoria forse è la cena di ieri con William- ha scherzato il livornese Seravalli- mi ha fatto mangiare bene qui a Palermo”. A rispondergli, sorridendo, il palermitano del Club Scherma Palermo, emozionato per i tanti applausi ricevuti: “Un’emozione fantastica tirare a Palermo, non ho dormito stanotte. E’ stata una sensazione indescrivibile, grazie a tutti”.

Con la finale di fioretto maschile categoria C si è chiusa la seconda giornata palermitana, domani spazio alla spada femminile individuale, al fioretto femminile e alla sciabola maschile. Nel paralimpico andrà in scena la spada maschile e la spada femminile categorie A,B,C, oltre alla gara a squadre di spada maschile.